Solidarietà e supporto ai 14 rinviati a giudizio per i fatti del 9 novembre 2010

Postato da Appello per L'Aquila il 23/01/2013 | 0 commenti

È notizia di lunedì la notifica del  rinvio a giudizio per quattordici cittadine e cittadini aquilani che il 9 novembre del 2010 manifestarono in occasione dell’ennesima passerella di Silvio Berlusconi, che tornava all’Aquila dopo nove mesi di assenza,  per blindarsi all’interno della Guardia di Finanza.

Sotto indagine ormai, visto il numero delle inchieste, ci sono diverse decine di persone, come se L’Aquila fosse stata teatro di sommosse violente e non, come invece è accaduto, crogiolo di straordinario fermento civico.

Stiamo dalla parte di tutti coloro che, nel contesto particolare vissuto dalla città nel post terremoto, si sono attivati per chiedere con forza una ricostruzione partecipata e che, alla luce di quanto le inchieste e gli scandali avevano già rivelato, hanno manifestato in più occasioni e sempre pacificamente il loro dissenso e la loro indignazione. Per questo siamo solidali con tutti i denunciati per quei fatti.

Garantiamo il pieno

supporto di Appello per L’Aquila ai quattordici concittadini rinviati a giudizio, in continuità con

la linea politica già intrapresa, che ha visto come primo atto consiliare di Ettore Di Cesare la presentazione dell’O.d.g. di solidarietà e sostegno ai denunciati per i fatti di Roma del 7 luglio 2010.

Continueremo a portare la nostra convinta solidarietà anche all”interno del Consiglio Comunale e ci auguriamo che altrettanto facciano tutti i rappresentati delle istituzioni e l’intero Consiglio.

Leave a Comment